Se hai preso in affitto o acquistato un appartamento e devi valutare di ristrutturarlo, non sottovalutare l’impianto idraulico e, in particolare, quello del bagno.

Ecco cosa devi sapere per rifare al meglio l’impianto idraulico di questo ambiente.

Quando rifare l’impianto idraulico?

L’impianto idraulico è il sistema che ti permette portare acqua in casa e renderla disponibile all’utilizzo, sia per far funzionare gli elettrodomestici sia per utilizzarla tu stesso.

Per questa ragione, deve essere uno dei primi elementi da valutare quando si pensa di ristrutturare un appartamento.

Per capire se è necessario rifare l’impianto, ci sono alcuni segnali da prendere in considerazione.

Il campanello d’allarme più comune? La rottura di una tubatura, che può segnalare la compromissione e la obsolescenza dell’intero impianto.

Oppure se vivi continui problemi di erogazione dell’acqua nei sanitari o, ancora, ci sono problemi durante il riscaldamento e il raffrescamento di casa.

Essenzialmente, la ragione per cui ci si ritrova a rifare un impianto idraulico è la sua età; che porta necessariamente al deteriorarsi delle sue parti, dalle tubature ai raccordi.

Quindi, è opportuno valutare con un esperto a quale livello e con quale pervasività intervenire sull’impianto idraulico.

Rifare soltanto quello di un ambiente,come la cucina o il bagno,oppure procedere al rifacimento completo dell’impianto idraulico di casa?

Per contattare un professionista e valutare come procedere per il tuo impianto idraulico, ti consigliamo di accedere al sito www.vicker.org e pubblicare la tua richiesta.

Attenzione! Richiedere l’intervento di un professionista ti garantisce che i lavori vengano eseguiti a regola d’arte e che ti verrà rilasciata una dichiarazione di conformità dell’impianto idraulico, obbligatoria per legge.

Come rifare l’impianto idraulico del bagno?

Prima di tutto è necessario scegliere se eseguire una ristrutturazione parziale o completa del tuo bagno.

Gli aspetti da tenere in considerazione sono:

  • Situazione attuale del bagno;
  • Grandezza dell’ambiente;
  • Modifiche da apportare;
  • Materiali scelti;
  • Disposizione e sanitari acquistati.

Ristrutturare completamente un bagno comporta diversi interventi:

  1. demolire e rimuovere il vecchio impianto idraulico;
  2. posare il nuovo impianto;
  3. verificare la funzionalità del nuovo sistema idraulico;
  4. installare i sanitari;
  5. chiudere tracce e finiture;
  6. posare rivestimenti e pavimenti.

Il rifacimento dell’intero impianto idraulico del bagno può costare dai 900€ ai 4.000€, senza considerare i costi dei sanitari.

A questa spesa, inoltre, potresti dover aggiungere i costi degli interventi di demolizione e smaltimentodel precedente bagno e del relativo sistema idraulico.

Per quanto riguarda i tempi, invece, essi dipendono dall’invasività degli interventi. Un rifacimento parziale del bagno e del sistema idraulico può comportare 2/3 giornatedi lavoro mentre un rifacimento completo può arrivare a 6/7 giorni.

Attualmente sul mercato esistono anche metodi innovativi e non distruttivi che garantiscono il rifacimento dell’impianto idraulico senza rompere muri e pavimenti.

Questa metodologia viene chiamata relining e permette la completa ricostruzione delle tubazioni dall’interno.

Si applica alla superficie interna del tubo un composito plastico che andrà a indurisce e a costituire un “nuovo tubo” all’interno di quello vecchio.

Anche in questo caso, noi di Vicker ti consigliamo di affidarti ad un professionista per approfondire maggiormente le opportunità a disposizione per il rifacimento del tuo impianto idraulico.