Ciao a tutti,

qualche giorno fa, chiacchierando con un amico, ho scoperto che i guasti più frequenti in casa riguardano l’impianto idraulico. Nonostante questo, se l’impianto è stato progettato a dovere, le riparazioni di questo tipo sono facili da eseguire e non eccessivamente costose. Ci sono alcuni segnali che ti possono far capire in anticipo quale tipo di manutenzione è bene eseguire per correre ai ripari. Ecco quindi in quali casi è bene contattare un pronto intervento idraulico e in quali invece è possibile fare da soli. 

1. Se ci sono perdite dallo sciacquone

Il problema più comune in bagno riguarda il serbatoio dello sciacquone. Se hai notato che l’acqua scorre in continuazione, solleva la vaschetta e controlla che sia piena. Se lo è, sarà sufficiente sostituire la valvola di riempimento e il flapper – ovvero il galleggiante in gomma rossa. Questa riparazione è semplicissima: in meno di un’ora il tuo WC tornerà perfettamente funzionante. Il costo è di circa 60 euro.

2. Se i sanitari si stanno scollando

Di solito i sanitari a pavimento vengono fissati per terra con del semplice stucco o del silicone. Negli anni, questa copertura può rovinarsi e far si che il lavandino o il WC inizia a traballare. In questo caso, meglio non aspettare oltre: infatti il costo per il fissaggio di uno o più sanitari è di circa 30 euro; invece l’installazione di un nuovo lavello può arrivare ai 300 euro.

3. Se il rubinetto perde acqua

Un rubinetto che perde acqua non deve essere sottovalutato: il costo della bolletta potrebbe aumentare del 10% in un solo mese. Nella maggior parte dei casi, la guarnizione interna del lavandino si è usurata. Se una volta sostituita, il rubinetto continua a gocciolare, la ruggine o qualche otturazione potrebbe averlo danneggiato: meglio rivolgersi ad un idraulico e installarne uno nuovo.

4. Se l’acqua viene scaricata troppo lentamente

I problemi di drenaggio dell’acqua possono manifestarsi in due mondi diversi: l’acqua non viene scaricata velocemente oppure si verifica un riflusso nella vasca, nella doccia o nel lavandino. In questo caso, il problema riguarda lo scarico. Un metodo naturale consiste nel versare nello scarico 5 cucchiai di sale fino, 5 cucchiai di bicarbonato di sodio. Lascia agire per una decina di minuti e poi versa un bicchiere di aceto e 2 litri di acqua bollente. Se questo metodo non funziona, meglio rivolgersi ad un idraulico specializzato in spurghi.

Sei riuscito ad individuare il problema del tuo impianto idraulico? Ricordati che prima di eseguire ogni tipo di intervento, è importante chiudere l’impianto idraulico. Se le riparazioni non sono il tuo forte, rivolgiti ad un idraulico qualificato e richiedi il tuo preventivo online.