RGli impianti idraulici delle abitazioni sono estremamente delicati ed è importante evitare di danneggiarli, anche assicurandosi che la pressione dell’acqua in ingresso sia stabile e regolata. 

Un componente dell’impianto idraulico che è possibile installare e che ti permette questo controllo e questa fondamentale regolazione è il riduttore di pressione dell’acqua.

Continua a leggere questo articolo per conoscere le caratteristiche dei riduttore di pressione dell’acqua e i loro costi.

Che cos’è un riduttore di pressione dell’acqua?

Il riduttore di pressione è una valvolache puoi installare nell’impianto idraulico del tuo appartamento e che ti permette di regolare, e quindi ridurre, la pressione dell’acquadel sistema. 

L’acqua che arriva in casa proviene da acquedotti pubblici che mantengono la pressione del flusso idrico molto forte a monte perché, altrimenti, non sarebbe possibile spingere l’acqua nelle tubazioni e permetterle di raggiungere le case.

Oltre a ridurre la pressione dell’acqua presente negli impianti idraulici, però, il riduttore di pressione stabilizza anche il flusso dell’acqua, che potrebbe non essere sempre costante.

Quindi queste valvole, opportunamente regolate, ti permettono di evitare sprechi d’acqua causati da un’eccessiva pressione. 

Il riduttore di pressione dell’acqua è composto da un disco regolatore, una molla a contrasto, una guarnizione in gomma e un otturatore a stelo

Una volta installato, l’acqua scorre nelle tubazioni in modo costante e regolare e non si fa registrare pericolosi picchi di pressione.

Questo meccanismo di regolazione e riduzione della pressione dell’acqua può essere

  1. meccanico, se il riduttore è dotato di una manopola che regola manualmente la pressione;
  2.  elettronico, se la regolazione avviene grazie ai componenti elettronici della valvola.

Altre differenzeriscontrabili tra riduttori di pressione dell’acqua in commercio sono relative al loro attacco, che può essere flangiato, femmina o maschio, e va scelto in base alla compatibilità con lagiunzione, e alla conformazione del regolatore, che può essere inclinato. 

Quali sono i vantaggi di installare un riduttore di pressione dell’acqua?

  1. Pressione regolare dell’acqua: significa che l’utilizzo della risorsa è confortevole e non c’è il rischio di aprire un rubinetto e bagnarsi con schizzi forti e incontrollati.
  2. Tutela dell’impianto idraulico: con il riduttore di pressione installato eviti di danneggiare sia le tubature sia gli apparecchi (come bollitori o boiler), limitando l’apertura di valvole di sicurezza. 
  3. Riduzione del rumore di acqua: gli sbalzi di pressione talvolta generano un forte rumore di acqua quando avviene il riempimento di boiler e dell’impianto di riscaldamento. Con l’istallazione del riduttore di pressione dell’acqua, questo rumore è molto ridotto.
  4. Riduzione dei consumi: con il controllo della pressione, hai una riduzione dei consumi di acqua e, di conseguenza, un risparmio in bolletta.

Come installare il riduttore di pressione dell’acqua?

Noi di Vicker ti sconsigliamo di procedere con il fai da teper l’installazione di questo componente. 

È preferibile affidarsi a mani esperte di tecnici specializzati e idraulici, così eviterai danneggiamenti e malfunzionamenti del tuo impianto idrico domestico.

Se cerchi un professionista per installare il riduttore di pressione dell’acqua, accedi al sito www.vicker.orgepubblica la tua richiesta. In breve tempo riceverai i preventivi per il lavoro e potrai concordare giorno e ora dell’intervento.

Quali sono i costi per un riduttore di pressione d’acqua?

I prezzi di un regolatore di pressione dell’acqua sono molto differenti poiché dipendono da marca, caratteristiche del componente, materiali e optional. 

Prima dell’acquisto, è fondamentale verificare che il riduttore sia in grado di regolare la pressione dell’acqua e di garantire l’adeguata portata di acqua al sistema idrico di casa tua. 

Nello specifico un riduttore di pressione dell’acqua ha un prezzo che oscilla tra i 30€ e 150€ circa. 

Al costo del pezzo, però, devi aggiungere il costo della manodopera per l’installazione che, come indicato in precedenza, è meglio conteggiare. 

Uno scorretto o approssimativo montaggio, infatti, potrebbe causare danni all’impianto.